I pazienti affetti da tireopatie presentano un significativo peggioramento della qualità della vita. Infatti circa metà dei pazienti con patologie tiroidee presenta limitazioni nell’esecuzione delle attività quotidiane o ha problemi emotivi o di relazione sociale. Numerosi fattori possono influenzare la qualità della vita in questi pazienti: l’ipotiroidismo, l’ipertiroidismo, la presenza di un processo autoimmune tiroideo, la presenza di noduli o di un carcinoma tiroideo, e gli specifici trattamenti per ogni tipo di patologia. In conclusione la qualità della vita può essere compromessa in un ampio spettro di aspetti; un’ adeguata terapia delle diverse patologie (opportunamente impostata e personalizzata da un endocrinologo) può portare ad un importante miglioramento o alla normalizzazione della qualità della vita nei pazienti tireopatici.